Schema elettrico plastico Marklin insolito

Un’utente di MyMarklin.com mi ha inviato qualche giorno fa un’insolito schema elettrico per il suo plastico digitale Marklin. Non potevo non mostrarvelo :-)
Ringrazio perciò Piero  per la sua generosità nel condividere le sue idee!

Inizialmente il mio plastico era tutto analogico con diverse alimentazioni su tratti sezionati sia del binario che della linea aerea.
Poi sono passato al digitale sui binari, mantenendo l’analogico sulla linea aerea (con massa comune).
Ultimamente, dopo aver digitalizzato tutte le locomotive (con i decoder Marklin, sostituendo i rotori dei motori e con gli Esu sulle locomotive Roco, Rivarossi e Fleischmann), sono passato al digitale anche sulla linea aerea, in maniera da poter comandare fino a 20 locomotive.
Gli scambi con relative lampadine (sia M che K) e i segnali ad ala sono comandati da un altro trasformatore (in analogico) che ovviamente ha una massa comune alle linee digitali.
Altri trasformatori comandano rispettivamente una linea H0e, le illuminazioni del paesaggio a lampadine e quelle a led.
Comunico che non ho avuto alcun inconveniente fino ad ora.

Schema elettrico Plastico Marklin

Questa voce è stata pubblicata in Modellismo tecniche e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Schema elettrico plastico Marklin insolito

  1. Gaspare scrive:

    Ciao, leggendo il tuo scritto mi son detto che forse sei la persona giusta x dirmi come posso passare da analogico a digitale come hai fatto te, il fatto è che io sono a zero di elettricità e che ho deciso di comperare una centralina digitale ma le mie locomotive dovrei digitalizzarli, cosi come gli scambi ,e non saprei come fare , e se mi conviene digitare il tutto o di ricomprare almeno le locomotive , io ho 4 locomotive della Rivarossi.Se puoi rispondermi lo apprezzerei molto e già adesso ti ringrazio e ti porgo i miei saluti ciao Gaspare

  2. Paolo scrive:

    Buongiorno a tutti, approfitto dell’amico che ha postato lo schema elettrico per chiedere un consiglio. Ritorno a costruire un plastico dopo 30 anni di inattività (ho un discreto parco loco e carri marklin). Sto iniziando a disegnare l’illuminazione degli edifici delle varie zone del plastico e vorrei usare led warm white (ci sono tipologie che si adattano meglio allo scopo?) . Il consiglio che chiedo è relativo al tipo di collegamento dei led (in serie o in parallelo o mista) considerando che vorrei tenere le zone del plastico indipendenti nell’accensione/spegnimento e al tipo di trasformatori da utilizzare. Io ho un vecchio trasformatore Marklin (degli anni 70) che era dedicato a tutto ciò che non era la trazione, ma pesa un quintale e credo ci sia qualcosa di più moderno ovviamente.

    Qualsiasi indicazione in merito è molto gradita.
    Un rigraziamento anticipato a tutti.
    Saluti
    Paolo

    • admin scrive:

      Gentile Paolo,
      grazie di seguire con attenzione mymarklin.com ! Rispondo subito circa i trasformatori … Allora, vanno benissimo i vecchi trasformatore Marklin, anche quelli belli pesanti a condizione che siano destinati alle sole luci ed illuminazioni del plastico. Infatti, per la trazioni sono più che sconsigliati sopratutto se usi locomotive digitale, con rischio danneggiamento degli elementi elettronici interni. A questo proposito, Marklin fecce una campagna di richiamo dei vecchi trasformatore blu con buono sconto per comprare quelli nuovi grigi o il solito bianco Marklin 6647.

Lascia un Commento